PGT e processo partecipativo – Incontri di quartiere

il Comune di Bergamo sta affrontando la revisione del PGT, il Piano di Governo del Territorio, lo strumento urbanistico comunale che permette di progettare la città di domani, i suoi spazi e i suoi servizi.

Ha intrapreso la via del percorso partecipativo coinvolgendo la cittadinanza tutta per mettere a punto strategie e soluzioni che tengano in considerazione le reali esigenze e le aspettative per progettare la città del prossimo futuro.

Il messaggio è chiaro: “Il tuo contributo è fondamentale per disegnare la Bergamo di domani: lasciati coinvolgere, prendi parte al futuro della tua città.

L’incontro di quartiere rappresenta l’avvio del percorso di ascolto della cittadinanza e sarà seguito da ulteriori spazi di approfondimento come i laboratori tematici e gli incontri di restituzione per agglomerati di quartieri. Gli incontri di restituzione sono momenti in cui il Comune “restituisce” ai cittadini quanto emerso negli incontri partecipativi. Questo significa che nulla cadrà nel vuoto, ma verrà data una valutazione e soprattutto una risposta ai pareri, alle proposte e alle idee che verranno raccolte e rielaborate. Lo scopo degli incontri è quindi duplice: far conoscere gli obiettivi e le strategie del nuovo PGT e favorire il confronto sui bisogni della città.

Dal 30 marzo sono iniziati i 21 incontri di quartiere promossi dal Comune di Bergamo e dalle Reti di Quartiere per dare inizio al percorso di partecipazione. A causa dell’emergenza sanitaria in corso gli incontri si svolgeranno in modalità online. Nell’organizzazione e gestione le Reti di Quartiere svolgono un ruolo importante. La loro già forte presenza e conoscenza del territorio è il punto di partenza del coinvolgimento, un “acceleratore” del processo di partecipazione. Gli incontri prevedono la partecipazione di due facilitatori della partecipazione, un operatore di quartiere e un tecnico della direzione urbanistica.

Il PGT riguarda tutti gli aspetti del vivere la città e le scelte compiute nel corso della sua elaborazione hanno effetti tangibili sugli spazi, sui servizi, sul futuro dei quartieri e del territorio. Il PGT sviluppa aspetti economici, sociali e ambientali e affronta le diverse dimensioni della qualità della vita: il lavoro, la casa, il modo in cui ci muoviamo, la scuola, la cultura e gli spazi che viviamo.

Per partecipare è necessario iscriversi compilando l’apposito modulo di iscrizione. Una volta effettuata l’iscrizione, riceverete il link due ore prima dell’inizio dell’incontro.

Come genitori dell’ I. C. S. Lucia siamo potenzialmente interessati ai due quartieri Santa Lucia e Loreto. Di seguito riporto i link per iscriversi:

SANTA LUCIA (12.04.2021)
www.comune.bergamo.it/dodiciaprile

LORETO (20.04.2021)
www.comune.bergamo.it/ventiaprile

Naturalmente la partecipazione è libera per gli incontri di qualsiasi quartiere, sempre previa iscrizione.

Si rimanda al sito dedicato www.pgtbergamo.it e al sito www.comune.bg.it per informazioni generali sul processo partecipativo alla stesura del nuovo PGT e il calendario completo di tutti gli incontri.

E’ un processo partecipativo aperto a tutti i cittadini di Bergamo, quindi più alta è la partecipazione e meglio può funzionare.

Riemergere-Bergamo, ecco i risultati

La fondazione Franco Demarchi è pronta a divulgare i risultati del sondaggio anonimo somministrato nei mesi scorsi.

I risultati della ricerca saranno presentati alle cittadine e ai cittadini di Bergamo per mezzo di un webinar in streaming sarà trasmesso

I risultati della ricerca saranno presentati alle cittadine e ai cittadini di Bergamo per mezzo di un webinar in streaming che sarà tenuto giovedì 15 aprile dalle ore 17:30 alle ore 19:30.

Il webinar sarà preceduto da una conferenza stampa che si terrà lunedì 12 aprile e durante la quale verranno diffusi i dettagli per il collegmanto al webinar stesso.

Riemergere-Bergamo

Il 20 novembre in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza è stata presentata la ricerca “Riemergere-Bergamo“, un’indagine messa in atto dal Comune per comprendere i bisogni delle famiglie colpite dall’emergenza Covid-19 attraverso la compilazione on line da parte dei cittadini di un questionario anonimo selezionato tra i tre disponibili in base alla fascia d’età specifica: 5-8 anni, 9-19, oltre i 20 anni.

La ricerca ripropone a Bergamo, adattandola, un’utile e interessante indagine promossa durante il lockdown dalla Provincia Autonoma di Trento che ne ha affidato la realizzazione all’ “Agenzia per la famiglia, natalità e politiche giovanili” con il supporto scientifico della Fondazione Demarchi e con la collaborazione di Unicef e di Nascere e crescere in Trentino.

I questionari, aperti a tutta la Provincia ma con un focus particolare sulla città, indagano gli aspetti della vita quotidiana e gli stili di vita, le aspetti relazionali e i loro eventuali cambiamenti, le preoccupazioni e le reazioni emotive all’emergenza sanitaria, gli aspetti scolastici e lavorativi, oltre al profilo socio-demografico degli intervistati.

L’obiettivo del lavoro affidato alla Fondazione Demarchi è quello, in questa fase dell’emergenza sanitaria, di acquisire elementi per rendere più incisive le azioni del Piano della Famiglia del Comune di Bergamo – da riaggiornare in modo significativo, alla luce dei cambiamenti dovuti all’emergenza Covid, rispetto a quello presentato nel 2019 – dando spazio alle famiglie e ai suoi singoli componenti per far emergere bisogni, disagi, emozioni e richieste.
La scelta è anche quella di dare voce, ascolto e attenzione, ai bambini, ai ragazzi e ai giovani, oltre che agli adulti, coinvolti come interlocutori diretti in questo studio, nella consapevolezza delle rinunce e delle preoccupazioni alle quali sono stati e continuano ad essere esposti.

Quali primi esiti del lavoro verranno inoltre prodotti un report di ricerca, messo poi a disposizione di tutti i soggetti coinvolti, e webinar di approfondimento sui temi emersi.

L’esperienza di Trento, che ha visto una partecipazione altissima con 21600 questionari compilati dei quali più della metà da parte di bambini e giovani, ci racconta di un bisogno/desiderio delle persone di esprimersi e partecipare ad una narrazione collettiva, e ci conferma la preziosità degli spunti portati direttamente dai cittadini per generare riflessioni non superficiali.

Qui trovate la pagina della ricerca “Riemergere-Bergamo”, con i link ai tre questionari:

https://www.fdemarchi.it/ita/Ricerca-sociale/Ri-emergere/Ri-emergere-Bergamo

Servizio di ristorazione scolastica – Comunicazione dell’assessora Loredana Poli

L’Assessora all’istruzione Loredana Poli comunica a tutti i genitori alcune importanti osservazioni in merito all’avvio e all’esercizio del servizio mensa erogato dal Comune nei plessi scolastici.

Nonostante il blocco degli appalti dovuti al lockdown e le disposizioni in merito a sicurezza e distanziamento, nel nostro Istituto il servizio è partito in forma regolare.

In allegato la comunicazione dell’Assessora Poli e una breve rassegna stampa locale, con gli
articoli di fine estate, nei quali ha parlato del servizio di ristorazione scolastica.

L’Orto Botanico a Loreto

Un novembre interessante con le iniziative dell’Orto Botanico di Bergamo e le attività organizzate a Loreto.

L’Orto Botanico nei Quartieri, i Quartieri all’Orto Botanico è una proposta che punta ad accrescere il legame dell’Orto Botanico con i residenti di Bergamo e di alcuni comuni limitrofi attraverso un calendario di 20 laboratori didattici e creativi condotti nei fine settimana dagli operatori e dalle operatrici dei servizi educativi dell’Orto Botanico, di cui le famiglie potranno fruire gratuitamente.

Protagonisti della prima edizione del progetto saranno parchi e aree verdi dei quartieri di Città Alta, Loreto e Longuelo e i Comuni di Curno e Mozzo.

Oltre a partecipare alle attività nei quartieri, le famiglie verranno però anche sollecitate a conoscere, visitare e vivere l’Orto Botanico, sia nella sezione di Città Alta che in quella di Astino. Il programma prevede infatti anche lo svolgimento di 5 attività in Orto Botanico, una per ogni quartiere o comune interessato dal progetto, in modo tale da creare, o rinsaldare, il legame tra l’Orto Botanico e le aree residenziali di Bergamo e dei comuni limitrofi.
Le attività progettate dalle operatrici e operatori dell’Orto costituiranno devi veri e proprio momenti di apprendimento esperienziale in natura, sia nei parchi individuati che nelle due sezioni dell’Orto Botanico, in cui i bambini possano riappropriarsi della dimensione sociale e al contempo confrontarsi con i fenomeni naturali in atto propri della stagione autunnale.
L’iscrizione è obbligatoria scrivendo una mail a educazione@ortobotanicodibergamo.it. In caso di maltempo le attività si svolgeranno in sedi al coperto, che verranno successivamente comunicate ai partecipanti.

Nella locandina il dettagli degli appuntamenti a Loreto:

Per approfondire la conscenza sull’Orto Botanico e le sue attività:

Sito web: www.ortobotanicodibergamo.it

Facebook: www.facebook.com/ortobotanicodibergamo

Nuova offerta educativa: www.ortobotanicodibergamo.it/impara/per-la-scuola/offerta-formativa

Diretta streaming

Abbiamo organizzato una prima diretta streaming, data l’impossibilità di un incontro fisico, per aggiornare chiunque fosse interessato sulle attività che il Comitato Genitori sta portando avanti e sull’evoluzione delle condizioni nelle quali verranno organizzate le attività estive e di ripresa delle attività scolastiche a settembre.

La diertta è fissata per Venerdì 19 giugno 2020, ore 17:30

Per partecipare è sufficiente cliccare sul link riportato qui sotto:
Google Meet

In allegato l’accompagnatoria e l’ODG in discussione.

Ricerca sul rapporto Genitori / DAD (infanzia e primaria)

All’interno dell’Università di Bergamo è partita una ricerca che ha come scopo quello di indagare il VISSUTO DEI GENITORI relativamente alla Didattica a distanza messa in campo dalla scuola dell’infanzia e dalla scuola primaria. È un questionario ANONIMO che dura indicativamente 10 MINUTI e sarebbe prezioso se volessi rispondere e se ci aiutassi a raccogliere quante più risposte possibile condividendolo con le persone che conosci e che hanno figli all’infanzia e alla primaria.

Nel consenso informato potete trovare riferimenti, indicazioni e finalità della ricerca: Consenso
Questo è link del questionario: Questionario

Grazie per la collaborazione!

Questionario necessità delle famiglie

L’Assessorato all’istruzione del Comune di Bergamo, in relazione alla definizione del Patto educativo di territorio, per il quale ieri si è chiusa la Manifestazione di interesse, ha pubblicato sul sito Bambini e Genitori a Bergamo un breve questionario per sondare le necessità delle famiglie residenti a Bergamo rispetto alle attività estive per bambini e ragazzi (Cre).
Le risposte non saranno vincolanti per i genitori ma ci aiuteranno a capire meglio le necessità e le possibili soluzioni da costruire con i soggetti del territorio.

http://bambiniegenitori.bergamo.it/news/questionario-per-famiglie-con-figlie-residenti-nel-comune-di-bergamo

Compiliamo e inviatiamo anche altri genitori a compilare il questionario.

Corsi gratuiti per i ragazzi

Segnaliamo questa possibilità per i nostri ragazzi delle medie, in un periodo come questo nel quale il tempo a disposizione è forse maggiore delle offerte per imparare.

L’Istituto Politecnico di Grumello del Monte, una giovane realtà formativa nata 3 anni fa da Fondazione Ikaros, organizza dei corsi online gratruiti per i ragazzi dagli 11 ai 16 anni.

In particolare tre laboratori. Un’edizione di questi laboratori è attualmente in corso e ha avuto un’ottima risposta in termini di iscritti, così per aumentare l’offerta laboratoriale viene proposta una nuova edizione per maggio.

Le iscrizioni sono possibili fino al 4, 5 o 6 maggio, a seconda del laboratorio, e tutte i dettagli e istruzioni sono disponibili nei link sotto riportati.

Nello specifico, i laboratori sono i seguenti:

Digital divide

In questi giorni in cui la DAD (didattica a distanza) si è diffusa e viene utilizzata praticamante a tutti i livelli degli istituti scolastici ci siamo dovuti scontrare con le difficoltà di alcuni bambini e ragazzi che che non riescono a seguire le lezioni per qualche motivo legato alle dispobilità tecnologiche.

Esiste la possibilità di mettere a disposizione la propria connessione WiFi, non costa nulla e sicuramente risolve qualche problema di connessione.

Alleghiamo un volantino che è stato realizzato a questo scopo da affiggere in condominio con lo scopo di mettere in contatto che ha la disponibilità di una connessione wireless con chi invece ne ha bisogno.

Aiutiamooci, tutti insieme ce la faremo!